GIORNALINO ON LINE del Comprensivo Vannini-Lazzaretti

Home Il Giornalino n°28 The hero of the day
Progetto Comenius:The hero of the day PDF Stampa E-mail
Sabato 22 Dicembre 2012 17:27

Scuola Secondaria di primo grado di Castel del Piano

 Progetto Comenius

"I know what violence means and I have a solution"

 

BULLISMO? NO,GRAZIE!!!

 

In un paesino molto povero, abitava una popolazione molto modesta e semplice e alcune famiglie avevano difficolta’ piu’ grandi, pativano la fame .Queste persone piu’ disagiate, avevano i figli che venivano tormentati da bulli che avevano un nuovo metodo di comunicare,chiamato cyberbullismo: consisteva nel mandare messaggini vergognosi o foto pubblicate sulla rete, che infastidivano molto i ragazzi. Il resto dei ragazzi erano umiliati,ma uno di loro,lo era di piu’. Egli si chiamava Daniel,aveva 11 anni,alto,bello e robusto, era affascinante per le ragazze; essendo il piu’ popolare del posto, era anche quello piu’ tormentato da questi messaggini video che tutti potevano vedere online. Pian piano, dalle prese in giro dei bulli, divenne il piu’ isolato e lasciato fuori dalle attivita’. I bulli soddisfatti del risultato che stavano ottenendo, non smisero per niente di prenderlo in giro perche’ il loro scopo era di essere piu’ riconosciuti. Passarono alcune settimane e i bulli continuarono ad allargare il loro gruppo , con piu’ bulli e sempre piu’ prese in giro.daniel smise di frequentare quella scuola ,ma , i bulli lo seguirono ovunque andava. Una sera, nella sua camera, a Daniel venne un’ idea. Si mise sul computer e decise di registrare un video messaggio da mettere online. Nel video, Daniel spiegava con intelligenza e sicurezza, che i bulli sembrano ragazzi cattivi fuori ma in realta’ sono come tutti gli altri. Cercano di apparire come non sono,cioe’ sicuri, maleducati e arroganti per coprire le loro insicurezze. Daniel , nel video, suggerisce di essere se stessi sempre, perche’ siamo tutti speciali nelle nostre differenze. Uno dei bulli nel vedere questo video, ne comprende il significato e consiglia ai propri compagni di gruppo, di guardare il video perche’ ha un senso per tutti. Incuriositi dal video di Daniel, lo guardano. Un giorno, un gruppo di questi bulli, si presenta a casa di Daniel, riferendogli che avevano visto il video messaggio e chiedendogli se lui avesse potuto perdonarli e aiutarli a cambiare. Da allora, nella scuola ci fu piu’ calma e collaborazione. Tutti compresero che il cyberbullismo e’ un comportamento sbagliato da non usare come arma ne’ di attacco ne’ di difesa.

classe 1 A


Ultimo aggiornamento Martedì 25 Dicembre 2012 20:02
 

Giugno 2020: il nuovo giornalino!

Giornalino n°33

GIORNALINO ON LINE del Comprensivo Vannini-Lazzaretti Template by Ahadesign Powered by Joomla!